.
Copyright  MutateMente.com -  All Rights Reserved.
Il perdono consapevole:
«Perdonare è liberare un prigioniero e scoprire che quel prigioniero eri tu. Chi non sa perdonare spezza il ponte sul quale egli stesso dovrà passare» (Sacre Scritture)

Il perdono consapevole se messo in pratica correttamente, purifica corpo, mente e spirito, permettendo di riconquistare fiducia in se stessi e, se si vuole, ristabilire relazioni interrotte. Il perdono è in grado di modificare profondamente la struttura della materia, della vita, delle emozioni e dei pensieri, sia nostri sia delle persone che ci circondano. Non è un atto d’ amore, ma un aspetto del tendere ad amare. Se siamo incapaci di perdonare, in un certo modo neghiamo il nostro proprio potere e in qualche caso, lo diamo proprio all’altra persona. Fino al momento in cui non perdoniamo e solleviamo dalla responsabilità del nostroo rancore o dolore, la persona in questione rimane connessa alla nostra energia. Perdonandola sciogliamo un legame anche nei suoi confronti e la rendiamo libera. Perdonare significa aprirsi alla piena accettazione di se stessi. Le persone che ci hanno ferito, umiliato, che hanno suscitato in noi rabbia, nervoso o qualsiasi emozione che non accettiamo, possono essere i nostri più preziosi maestri e offrirci attraverso la comprensone e il perdono, la possibilità di coltivare qualità come la compassione e l'altruismo, fondamenti della vera felicità e di un'autentica crescita individuale e sociale. Se ci sforziamo di perdonare, non avremo realmente perdonato. Attraverso lo sforzo riusciremo solo a reprimere. Possiamo perdonare realmente quando comprendiamo la stupidità del gioco che accade dentro la nostra mente. La totale assurdità di tutto ciò deve essere vista fino in fondo, altrimenti ciò che avremo represso con lo sforzo, si ripresenterà in altre forme o in altre persone. Quando perdoniamo qualcuno, questi non ha più il possesso della nostra mente e possiamo finalmente vivere appieno nel Qui ed Ora.
«Il debole non sarà mai in grado di perdonare.Il perdono è un' attributo del forte» - Gandhi 





Share |
Titolo: meditazione sul perdono 
Autore: Ayya Khema 
Voce: Andrea G.
Musica: Terry Oldfield "illumination"  (traccia tagliata e adattata)
Frequenza aggiunta: 639 Hz.
Durata: min. 21,33

-- Meditazione guidata sul perdono di Ayya Khema
Clicca sul nome della meditazione per ascoltare l' audio da internet. 
Oppure clicca col tasto destro del mouse sul link e salvalo per ascoltarlo quando vorrai.

Vi propongo qui sotto una meditazione guidata dalla mia voce tratta da "Meditazione sul perdono" di Ayya Khema con sottofondo musicale addizionato della frequenza di 639Hz. Questa frequenza favorisce l' apertura e la connessione nei rapporti umani. E' utilizzata per trattare i problemi di relazioni famigliari, tra partner, amici o  per problemi sociali. Incoraggia le cellule di comunicare con l'ambiente circostante, creando relazioni armoniose di comprensione, di tolleranza e amore. Questo tono è utilizzato per lo sviluppo della percezione extrasensoriale, per la comunicazione con i mondi paralleli o sfere spirituali, perché colma le distanze, differenze e i conflitti. La nota è il FA ("Fa-muli tuorum")
Note Bio:
Ayya ​​Khema (25/08/1923 - 02/11/1997), Maestro buddista, nata come Ilse Kussel a Berlino , in Germania , da genitori ebrei. Khema sfuggì alla persecuzione dei nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Ha vissuto negli Stati Uniti. Dopo aver viaggiato a lungo in Asia ha deciso di diventare buddista monaca in Sri Lanka nel 1979. E' stata una monaca attiva nel dare opportunità alle donne di praticare il buddismo, fondando diversi centri in tutto il mondo. Nel 1987 ha coordinato il primo Convegno Internazionale delle monache buddiste. Khema ha scritto oltre due dozzine di libri in inglese e tedesco, tra cui la sua autobiografia: Io ti do la mia vita.

Aprire il cuore:
Finchè non coltiviamo pensieri amichevoli verso ogni persona che incontriamo, giorno dopo giorno, ci perdiamo la parte più gioiosa della nostra vita. 
Se davvero potessimo aprire i cuori non sarebbe affatto difficile essere felici.-- Ayya Khema
Versione video (Youtube)
Meditazione in formato testo pdf
(clicca sul link qui sotto)
Meditazione sul perdono